Lettera pastorale dell’Arcivescovo di Gaeta Mons. Luigi Vari

IMG_0184

«Il processo sinodale è prima di tutto un processo spirituale. Non è un esercizio meccanico di
raccolta di dati o una serie di riunioni e dibattiti. L’ascolto sinodale è orientato al discernimento.
Ci richiede di imparare ed esercitare l’arte del discernimento personale e comunitario. Ci
ascoltiamo a vicenda, ascoltiamo la nostra tradizione di fede e i segni dei tempi per discernere ciò
che Dio sta dicendo a tutti noi. Papa Francesco descrive i due obiettivi interconnessi di questo
processo di ascolto: “ascolto di Dio, fino a sentire con Lui il grido del Popolo; ascolto del Popolo,
fino a respirarvi la volontà a cui Dio ci chiama”» (Vademecum per il Sinodo sulla sinodalità, 2.2).

Il cammino sinodale che anche la nostra Diocesi sta intraprendendo, intende rispondere a varie domande sulla vita e sulla missione della Chiesa. E in particolare ad un interrogativo di fondo:

“Come si realizza oggi, a diversi livelli (da quello locale a quello universale) quel “camminare insieme” che permette alla Chiesa di annunciare il Vangelo, conformemente alla missione che le è stata affidata; e quali passi lo Spirito ci invita a compiere per crescere come Chiesa sinodale?”

CLICCA IN BASSO per leggere la Lettera pastorale “TU CREA” dell’Arcivescovo di Gaeta Mons. Luigi Vari

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin